Vittoria ha assorbito, in modo determinante, le novità artistiche del movimento modernista novecentesco, al punto da poter essere denominata Città del Liberty. La raffinatezza ornamentale, la sinuosità e flessuosità delle linee costruttive e decorative, la stilizzazione degli elementi, il connubio ferro-cemento- vetro-pietra, sono tutti elementi incisivi e caratterizzanti dell’Art Nouveau, presenti nel nostro Liberty locale. E’ il Liberty degli scalpellini, dei capimastri, dei decoratori, a volte assistiti da ingegneri e geometri, raramente da qualche architetto. La committenza a Vittoria proviene sia da una ricca e nuova borghesia evoluta che da famiglie del ceto medio, da artigiani e agricoltori benestanti, arricchiti dagli introiti che la produzione della vitivinicoltura offriva, garantendo loro, una significativa crescita economica e una nuova posizione sociale. Il periodo che va dal 1900 al 1940 caratterizzerà Vittoria, conferendole un aspetto tipicamente Liberty. Nascono così opere equilibrate e moderne, il cui ornamento delle facciate è raffinato e incisivo. I prospetti delle case, come dei palazzi, caratterizzati spesso dalla linea flessuosa e ondulata, sono arricchiti da decorazioni floreali che, pur richiamando, alcune volte, il passato, si risolvono in equilibrati ed armonici motivi ornamentali. Fregi, pannelli e architravi, delimitati spesso da elementi sinuosi, ornati da grappoli d’uva, simbolo della ricchezza vittoriese, e da intrecci floreali e geometrici, in cui si annida la figura femminile, ridotta a simbolo, dal volto sognante e dallo sguardo equivoco, caratterizzano, in maniera elegante e raffinata, l’opera architettonica. I prospetti, nell’alternanza dei vuoti e dei pieni e nell’eleganza delle colonne e dei pilastri, appaiono ricercati sia nei fastigi squisitamente decorati, sia nelle estrose inferriate, sia, infine, negli spioventi delle coperture la cui fascia estrema è animata all’interno da un pittoricismo equilibrato nelle varianti tonali. All’interno delle case la composizione, dipinta al soffitto con tecnica a tempera, presenta dinamicità e immediatezza espressiva, caratterizzata dalle leggere pennellate del colore fluido, trasparente e morbido e dall’efficace amalgama cromatico. Si può perciò concludere che ognuna delle strutture architettoniche, pur risentendo di alcune orchestrazioni moderniste, realizzate da grandi architetti e progettisti nelle diverse città italiane, viene riletta, interpretata e inglobata nella tradizione locale, pervenendo a risultati alquanto felici e spesso originali attraverso la straordinaria capacità progettuale, costruttiva, creativa e artigianale degli artefici del nostro Liberty: Salvatore Battaglia, Nicosia Giovanni e Luigi, i fratelli Strazzulla, Emanuele, Francesco e Giovanni Mazza, Vadalà, Nifosì, Emanuele Ingrao, Emanuele Bucchieri, Giovanni Scribano, Carmelo Toma, Giovanni e Salvatore Li Rosi, Scapellato, Galofaro, (grandi scalpellini della pietra, abili cementisti e artisti del ferro battuto e del legno); i tecnici: geom. Salvatore Li Rosi, geom. Giunta, geom. Re, geom. Lo Monaco, arch. Sada, ing. Battaglia, ing. Di Geronimo, ing. Mangione, ing. Mazza, ing. Astuto, ing. Arezzo; e infine i decoratori degli interni: Alessandro Abate, i fratelli Santocono, Corrado Malfa, Di Rosa, Strazzeri, Morganti, Floridia, Pirrone e il nostro Vito Melodia che, plasmando, dipingendo e decorando, ha lasciato un grande patrimonio artistico di particolare bellezza e di indelebile espressività. Si segnalano alcune strutture architettoniche di particolare bellezza: proprietà Battaglia-Mangione (1913, via Matteotti n. 210) con decorazioni interne di Vito Melodia; Carfì-Banca Credem (1923, via R. Cancellieri n. 71); Di Vita-Lo Monaco Miccoli (1925, via Cacc. delle Alpi n. 99); Traina ex Teatro-Cinema Garibaldi (1920-33, via Cavour n. 120); Cassibba-Barrano (1925, via Dei Mille n. 167); Melodia-Piazzese-Busacca (1913, via Matteotti n. 253); Scifo (1925-33, via P.pe Umberto n. 3) con decorazioni interne di Antonino Cannì; Samperisi-Amodei (1918-20, via C. Alberto n. 243); Sciveres-Areddia (1930, via Matteotti n. 166); Battaglia-Garrasi ex Hotel Firenze (1900-10, via Garibaldi n. 84); Fulco-Ceci Cerruto (1924-25, via Garibaldi n. 178); Giudice-Campo (1925-30, via Cavour n. 264); Marangio-Terranova (1927-30, via Rattazzi n. 55); Spinella-Sannino (1931, via Magenta n. 83); Azzara- Pinturo (1930, via Gaeta n. 156); Ciancio-Fontana (1926-30, via C. Alberto n. 124); Trombatore-Lo Monaco (1924-25, via Cavour n. 339); Lo Monaco (1930, via Cavour, 340); Pancari, oggi Rizza (1913, dell’arch. Sada, via Bixio n. 31). Decorazioni Liberty estrose e raffinate, realizzate dagli artisti menzionati, si trovano nei seguenti palazzi eclettici e liberty: Jacono- Rio-Aurispa (Vito Melodia); Porcelli-Cucuzzella (A. Abate e Vito Melodia); Di Caro-D’Izzia- Caudullo (Alessandro Abate); Scrofani-Contarella (G. Santocono); Giudice-Gucciardello- Azzaro (Vito Melodia), nella cui abitazione esiste anche un pavimento intarsiato in pece e pietra locale di straordinario interesse artistico; Mandarà (Vito Melodia); Fichera-Lo Monaco (Di Rosa); Disca-Traina-Ragona (Corrado Malfa); Marangio-Di Quattro (Vito Melodia); Lucchesi-CGIL (Vito Melodia); Calì-Calì (Vito Melodia); Re (Vito Melodia); Maltese-Occhipinti (Vito Melodia); Lucchesi-Baglieri (Vito Melodia); Traina (Vito Melodia e Salvatore Pirrone); Busacca- Mangione (Corrado Malfa); Mauceri-Gallenti (Vito Melodia); Longobardo-Mangione (Vito Melodia e Giovanni Morganti); Frasca-Gallotta (Vito Melodia).

Indirizzo: Via Rosario Cancellieri, 71

Indirizzo: Via Garibaldi, 84

Indirizzo: Via Dei Mille, 167

Indirizzo: Carlo Alberto, 124

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus maximus gravida efficitur. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Mauris lacinia tristique sapien, sed ornare arcu rhoncus in.