Dott. Salvatore Guadagnino

Dirigente

Indirizzo: Via Gen. Diaz n. 77 (ex ferrotel)
Tel: 0932 514410
Fax: 0932 514491
dirigente.servizisociali@comunevittoria.gov.it
dirigente.servizisociali@pec.comunevittoria.gov.it

Assicura il controllo di regolarità amministrativa nella fase preventiva della formazione dell’atto attraverso il parere di regolarità tecnica attestante la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa.
Assicura la promozione delle politiche sociali e la progettazione delle azioni a sostegno dell’integrazione e cooperazione sociale tutelando il benessere della popolazione;
Cura la formulazione di piani di azioni positivi per la rimozione degli ostacoli che impediscono la piena realizzazione di pari opportunità e la promozione ed il coordinamento delle iniziative sociali promosse dal terzo settore;
Cura le procedure per i contributi per progetti formativi e didattici, attività scolastiche extracurriculari, scambi culturali, attività di approfondimenti culturali, progetti sperimentali, attività integrative e parte della intercultura;
Collabora con la Direzione “Programmazione Comunitaria, Servizi e Reti di Progettazione e Sviluppo” per il reperimento e la gestione di fondi e risorse esterne funzionali alle azioni di sviluppo socio-assistenziale;
Garantisce, la qualità dei servizi sociali erogati e il presidio del processo di accreditamento di servizi e strutture.
Cura Pari Opportunità e Antiviolenza (Centro Donna);
Garantisce il presidio sui rapporti con le istituzioni, gli enti e il terzo settore nei predetti ambiti e ne sostiene l'azione.
Garantisce e assicura le azioni amministrative di supporto ai servizi di Pubblica Istruzione.
Assicura la promozione delle politiche per lo sviluppo locale programmando, coordinando e attuando le azioni sul territorio finalizzate allo sviluppo del sistema integrato culturale;
Cura la programmazione di iniziative e manifestazioni culturali e la promozione della conoscenza dei beni artistici;
Assicura il sostegno alle politiche educative e socio assistenziali tramite la pianificazione, promozione e diffusione dei programmi ed iniziative nel campo dello sport e del tempo libero per favorire l’integrazione sociale;
Attua politiche di valorizzazione delle attività sportive;
Cura la gestione degli impianti sportivi comunali;
Garantisce il presidio sui rapporti con le istituzioni, gli enti e il terzo settore nei predetti ambiti e ne sostiene l'azione.

Principali funzioni e attività

Programmazione e gestione del servizio sociale di base per minori, anziani e portatori di handicap (analisi dei problemi individuali e di gruppo, interventi a sostegno dell'individuo o del nucleo familiare, assistenza domiciliare, sussidi economici, affidi, ecc.);

  • Gestione dei servizi residenziali per anziani;

  • Assistenza scolastica nel trasporto di portatori di handicap programmazione e gestione (diretta o indiretta) di iniziative di animazione e socio ricreative rivolte alle fasce più deboli della popolazione;

  • Programmazione e gestione dei servizi relativi alla tossicodipendenza;

  • Attività di supporto al Sindaco quale Autorità Sanitaria Locale;
    Promozione e coordinamento dei soggetti appartenenti all'area del volontariato operanti nello ambito sociale;

  • Promozione della rimozione dei comportamenti discriminatori per sesso e di ogni altro ostacolo che limiti di fatto l’uguaglianza delle donne nell’accesso al lavoro e la progressione professionale e di carriera;

  • Vigilanza sulla gestione di servizi sociali da parte di soggetti terzi.

  • Promozione e gestione di iniziative educative e ricreative rivolte all’infanzia;

  • Promozione dell’accompagnamento all’età adulta dei minori e cura dell’integrazione e inserimento sociale;

  • Promozione e difesa del diritto allo studio e sostentamento dell’azione;

  • Programmazione e gestione (diretta o indiretta) dei servizi integrativi educativi (trasporto scolastico e mensa).

  • Programmazione e gestione asili nido;

  • Promuove e coordina ogni attività e azione di supporto amministrativo-gestionale dei servizi di Pubblica Istruzione;

  • Cura gli atti amministrativi inerenti i servizi e le problematiche educative e di pubblica istruzione;

  • Cura le iniziative e ogni attività inerente i servizi educativi integrativi e il diritto allo studio;

  • Consulenza e supporto alla struttura nelle materie di competenza;

  • Gestione delle strutture museali e teatrali, della sede e spositiva comunale, dell’archivio storico e delle biblioteche comunali;

  • Definizione attività legate ai beni culturali;

  • Elaborazione programmi per la fruizione dei contributi comunitari e statali finalizzati alla valorizzazione dei beni culturali;

  • Elaborazione e attuazione programmi e piani per la promozione e il sostegno, a fini culturali, del patrimonio dei beni artistici;

  • Promuove e cura la gestione, la valorizzazione e la conoscenza dei beni artistici cittadini;

  • Coordinamento dei soggetti appartenenti al terzo settore operanti in ambito culturale;

  • Definizione delle specifiche modalità di attuazione degli interventi con particolare riferimento alle procedure per l’attivazione delle relazioni, per la concessione dei contributi, per la stipula di convenzioni e per il controllo della qualità delle relazioni attivate;

  • Promozione e gestione di iniziative culturali e ricreative rivolte all’infanzia;

  • Promozione di manifestazioni sportive e gestione dei rapporti con le associazioni sportive cittadine;

  • Promozione per lo sviluppo del tempo libero;

  • Gestisce la stagione turistica e i grandi eventi;

  • Gestisce gli automezzi in dotazione alla struttura relativamente alle tasse di circolazione, alla revisione e alla manutenzione.

  • Gestisce anche il carburante (consumo secondo tabelle di marcia ecc), acquistato in forma centralizzata dalla direzione manutenzione.

  • Gestisce gli automezzi in dotazione alla struttura relativamente alle tasse di circolazione e alla revisione.

  • Gestisce anche il carburante (consumo secondo tabelle di marcia ecc), acquistato in forma centralizzata dalla direzione manutenzione.

  • Promuove e coordina le attività e i servizi socio assistenziali ed educative inerenti il bacino d'utenza della Delegazione Municipale di Scoglitti.

 

Consulta Femminile

Consulta Comnunale Femminile

La Consulta Comunale Femminle, ai sensi e per gli effetti previsti dell’art.11 dello Statuto del Comune di Vittoria e per quanto previsto dalla legge 10/04/91 n.125, viene istituita per la prima volta, il 17/03/97, con delibera n.80.

La Consulta Comunale Femminile attuale viene costituita il 15 marzo 2005 con l’elezione a presidente, della signora Dora Guarino.

Finalità

La Consulta Comunale Femminile ha, in relazione alle reali esigenze locali, l’obiettivo primario di affrontare i problemi della condizione femminile e delle pari opportunità in tutte le situazioni e gli ambiti che la Costituzione in generale e la tutela in particolare, hanno dettato con leggi in vigore, tenendo presenti la dignità ed i valori di cui è insostituibile portatrice la donna, sia nell’ambito della famiglia, sia nell’ambito della società, come all’interno delle Istituzioni pubbliche e private.

La Consulta inoltre:

a) promuove ogni altra attività idonea a sollecitare e valorizzare il ruolo della donna;

b) sostiene e coordina politiche di pari opportunità tra uomo e donna;

c)attiva e sollecita tutte le iniziative tese al superamento dei fattori di discriminazione e di disuguaglianza che pesano sulla donna, con particolare attenzione al rapporto donna-lavoro.

d) interloquisce con la Giunta e l Consiglio Comunale, le U.S.l., il territorio nelle sue articolazioni nell’ambito sindacale, nelle associazioni di categoria, economiche ed imprenditoriali, nel mondo della scuola e dell’università, sui comitati di gestione e partecipazione sociale dei consultori e tra le donne e le loro forme di rappresentanza

L’attività della Consulta comunale femminile si potrà esplicare anche attraverso:

1 .produzione e diffusione di materiale di informazione e la promozione di iniziative esterne tese a favorire la diffusione della Cultura delle Pari Opportunità;

2. la predisposizione di proposte di azioni positive per accrescere e consolidare qualitativamente la presenza e la promozione delle donne nel mondo del lavoro;

3. proposte di progetti di formazione e riqualificazione professonale in rapporto con i centri di formazione;

4. la vigilanza sull’applicazione delle norme e delle leggiattuali e future per la realizzazione della parità e dei diritti, sia nei settori privati, sia nei settori pubblici, con particolare riguard, per questi ultimi, alla formazione professionale, orientamento scolastico, cultura, programmazione.

5. Proposte di soluzione relative alle problematiche di creazione di adeguati servizi sociali( asili nido, scuola materna, scuole a tempo pieno, consultori familiari…) a sostegno della famiglia e della vita dei componenti più deboli della società( minori, anziani, invalidi, handicappati..) nel quadro di una coerente ed efficace collaborazione tra società, istituzioni e famiglia;

6. Proposte di soluzione relative a problematiche sulla tutela dell’ambiente e del patrimonio artistico-culturale del territorio e proposte di soluzioni relative alla promozione delle più utili iniziative per il miglioramento delle strutture urbane ed extraurbane (isole pedonali, verde pubblico, viabilità, parcheggi, trasporti urbani, impianti sportivi…)

7. Proposte di soluzioni relative a problematiche per la difesa della pace, della solidarietà e dei diritti umani.
Inizio Pagina

Composizione della Consulta

La Consulta è composta da donne scelte ciascuna da nominativi segnalati dalle Organizzazioni ed Associazioni più rappresentative, operanti in sede locale da almeno tre anni, dalle Scuole, dai Partiti politici, dai movimenti sindacali.

La Consulta Femminile, nella sua struttura organizzativa ed in conformità all'art. 8 del proprio Regolamento ha individuato 4 aree di studio:

* 1 Famiglie - Salute - Servizi
* 2 Istruzione - Lavoro - Imprenditorialità
* 3 Ambienti - Beni Culturali - Turismo (Sport)
* 4 Politica - Approfondimento differenza di genere

Scelta del logo

La Consulta Comunale Femminile ha scelto un logo che rappresentasse le donne della Consulta. L’immagine simbolo dell’impegno sociale coniugato al femminile, ideato e realizzato da Maria Amorelli, architetto e socia della Consulta, raffigura sullo sfondo oltremarino, una donna, colta in atteggiamento ieratico e sognante come per tenersi distaccata dalle inquietudini della società in attesa di rinvigorirla. Un patto sociale che le donne della Consulta hanno siglato con la loro città dal 15 marzo 2005.

Nome e CognomeTelefono Telefono
Li Perni Maria Concetta 0932/514425Nicosia Alberto
Puglia Patrizia0932/514428Consolino Giovanni
Scollo Maria Teresa0932/514411Raniolo Giovanni
Trovato Aurora0932/514405Garufi Venerina
Alescio Salvatrice0932/514405Russo Patrizia
Puccio Rosa Alba0932/514417Casa Giorgio
Carbonaro Tiziana0932/514414Cannizzo Anna
Casabene Chiara0932/514493Sfrazzetto Irene
Lombardo Gaetano0932/514493Pennacchio Ornella
Raniolo Maria Carmela0932/514420Pinetti Giovanna
Incremona Fausta0932/514403
Faseli Alfonso0932/514490
Puglisi Concetta0932/1871607
CENTRO DONNA
Perucci Camilla
Barravecchia Giuseppina
ASILO NIDO0932/9875500932/987550
TRASPORTO ALUNNI
0932/8640100932/864010
CENTRO CUCINE - RODARI
0932/8684970932/868497
CENTRO CUCINE - PORTELLE DELLE GINESTRE
0932/8650530932/865053
  • Alloggi I.A.C.P (alloggi popolari)
  • Assistenza alunni H24
  • Bonus nuovi nati
  • Borse Lavoro – bandi – graduatorie
  • Contributi alloggi in locazione
  • Fornitura libri di testo
  • Interventi malati SLA
  • Mensa scolastica
  • Piano di azione e coesione (P.A.C.) – Infanzia
  • Piano di azione e coesione (P.A.C) – Anziani
  • Progetti disabilità gravissima
  • Progetto Home Care Premium – Assistenza domiciliare.
  • Progetto O.R.A. lavoro
  • Progetto P.I.P.P.I
  • Ruoli buoni libri
  • S.P.R.A.R (sistema protezione richiedenti asilo rifugiati)
  • Sostegno per inclusione attiva (SIA)
  • Sportello per famiglie numerose
  • Trasporto alunni
  • Trasporto portatori di handicap.